Valentina De’ Mathà, classe 1981, nata ad Avezzano, vive e lavora in Svizzera.
L’abbiamo incontrata in occasione dell’apertura del Padiglione Italia – Regione Abruzzo presso l’Aurum di Pescara,
dove espone un’installazione scultorea commemorativa delle 308 vittime del tragico terremoto che il 6 aprile 2009 ha devastato la città di L’Aquila.

“Silenzio”, questo il titolo del suo lavoro, racconta la drammaticità della catastrofe attraverso sculture in carta: sono corpi disfatti girati verso il muro, generati tutti da un’unica matrice.

Di fronte a tale visione cadono i commenti, le parole restano in bilico tra l’ovvio e lo scontato, la paura si placa, l’amara consapevolezza dell’accaduto si fa avanti, mentre s’insinua la convinzione assurda del credere di non poter far nulla.

Ma la De’ Mathà contraddice lo stato d’inerzia e la sbrigativa rassegnazione con un dono speciale.

Domani, 27 giugno, alle 15:30, l’artista regalerà una scultura dell’installazione in questione alla città di L’Aquila, durante una cerimonia che si terrà nel tratto di portici che collega Corso Vittorio Emanuele e Piazza Duomo.
Verrà applicata una targa commemorativa e padrino d’eccezione dell’evento sarà Dario Pallotta, giocatore dell’Aquila Rugby, particolarmente distintosi nel salvataggio di alcune vittime rimaste sotto le macerie del terremoto.

La scultura verrà posta in uno spazio all’aperto fino al suo completo deterioramento.
Durante l’evento sarà presente l’Assessore alla Cultura Stefania Pezzopane.

Valentina stessa in questa video intervista ci spiega il perché del suo lavoro e le motivazioni che l’hanno spinta a prender parte alla Biennale di Venezia.
http://www.blarco.com/2011/06/videopost-il-silenzio-loquace-di.html

go back